- VERDI
- BELLINI

- PUCCINI
- WAGNER
- ROSSINI
- DONIZETTI
- MOZART
- STRAUSS

BIBLIOGRAFIA

 

SPECIALE INVITO A CONCERTO

GUIDA ALL ASCOLTO

 

 

Mozart

> Prefazione
- Opere


Osservare, anche se ad una distanza non molto ravvicinata, come nel nostro caso, l'arte musicale di Wolfgang Amadeus Mozart, significa riassumere il cammino della musica del diciottesimo secolo.
Mozart, infatti, è stato un inesauribile assimilatore di tutte le mode, gli stili del far musica del suo secolo, dai compositori più celebri fino a quelli più sconosciuti.
Ogni genere di musica viene da lui trasfigurato in una nuova forma che ne rappresenta la sintesi. Questo avviene anche per l'opera. Mozart vive perfettamente inserito nel mondo musicale che già da giovanissimo inizia a frequentare, quando dalla nativa Salisburgo inizia a viaggiare con il padre per tutta Europa.
I suoi primi lavori lo dimostrano: ne “La finta semplice " (1768), composta a dodici anni, e ne “La finta giardiniera" (1775). L’autore mostra quindi di conoscere alla perfezione i meccanismi dell'opera buffa e semiseria della tradizione napoletana. Altrettanto si può dire dell'opera seria; basta ascoltare il “Mitridate re di Ponto" (1770), il “Lucio Silla" (1772) o “Il re pastore" (1775), o
“Idomeneo, re di Creta" (1780) nei quali sono perfettamente ravvisabili echi dell'opera gluckiana. Quando Mozart si trova ad affrontare il genere tedesco del Singspiel ne risolleva le sorti, cambiandone completamente i tratti.
Da una sorta di sottogenere teatrale quale era, egli ne fa uno spettacolo nobile, dando così il definitivo impulso allo sviluppo di un'opera nazionale tedesca.
Ne “Die Entfuhrung aus Serail" (“Il ratto dal serraglio", 1782) ed in “Die Zauberflote" (“Il flauto magico", 1791) Mozart inserisce il canto virtuosistico dell'opera seria, e lo affida ai personaggi di Costanza e della Regina della notte.
Non era però virtuosismo fine a se stesso, ma strettamente congiunto al carattere delle due protagoniste. Le acrobazie vocali di Costanza sono in un certo senso la barriera che ella interpone a difesa del proprio onore e della propria fedeltà al suo unico amore, mentre gli adamantini picchiettati della Regina della notte ne accentuano la fisionomia di donna gelida, notturna, lunare.
Accanto a questi caratteri, Mozart ne accosta alcuni dai tratti più disparati : comici (Osmin e Papageno), lirici (Belmonte, Pamina, Tamino) e così via.
L'incontro di Mozart con il librettista Lorenzo Da Ponte porta alla creazione di quella trilogia italiana composta da “Le nozze di Figaro" (1786), “Don Giovanni" (1787), “Così fan tutte" (1790), considerata tra i massimi capolavori della storia della lirica.
Qual è la grandezza di queste opere? Difficile dirlo in poche righe.
A proposito di queste tre partiture, si sono sparsi fiumi d'inchiostro per cercare di interpretare quello che si nasconde dietro la loro apparente semplicità. Ad un primo impatto, tutto sembra procedere secondo le più rispettose regole del tempo, ma, ad un più attento esame, questi schemi vengono superati, trascesi dalla necessità di far procedere il dramma, esigenza alla quale Mozart non rinunciava mai.
Non va poi sottaciuto il fascino ambiguo che sprigionano questi lavori.
Sono considerate opere buffe o, come il “Don Giovanni", dramma giocoso, ma il comico o il giocoso non sono un esile velo dietro al quale si cela il dramma che ne “Le nozze di Figaro" si esprime nei contrasti di classe, o in “Così fan tutte" nel cinico gioco tra personaggi.
Nel “Don Giovanni" poi, il dramma è tangibile, lo si avverte fin dalle prime note e, il continuo scontro tra moralità e amoralità, costituisce uno degli aspetti più affascinanti di quest'opera.
C'è poi un altro dramma, quello che Mozart nasconde nel carattere dei suoi personaggi e che scaturisce dal ministero esistenziale del rapporto dell'uomo con se stesso. Basta guardare al Cherubino de “Le nozze di Figaro", al personaggio di Don Giovanni, al Sarastro de “Il Flauto magico" che sicuramente sono i caratteri più emblematici del teatro mozartiano.
Mozart ha concentrato su di sé gli interessi musicali dell’ultimo scorcio del diciottesimo secolo.

Maurizio Tagliabue

 

Statistiche